Salta al contenuto

News

A A A

Il primo impianto canadese per la lavorazione downstream dei materiali delle batterie sarà costruito a Sudbury

Wyloo ha stipulato un Memorandum of Understanding (MOU) con la città di Greater Sudbury per assicurarsi un appezzamento di terreno per costruire un impianto di lavorazione dei materiali delle batterie a valle. La nuova struttura colmerà una lacuna critica nella catena di fornitura delle batterie dei veicoli elettrici (EV) del Canada, stabilendo la prima soluzione integrata canadese da miniera a materiale catodico precursore (pCAM).

Kristan Straub, CEO di Wyloo Canada, ha affermato che l'impianto fornirà il tassello mancante nelle aspirazioni del Canada di sviluppare una catena di fornitura nazionale di batterie per veicoli elettrici, producendo solfato di nichel a basso contenuto di carbonio e pCAM a dominante di nichel, ingredienti chiave per le batterie dei veicoli elettrici.

“Riconoscendo la domanda globale di veicoli elettrici e altre tecnologie pulite, il Canada ha investito fino ad oggi oltre 40 miliardi di dollari per rendere il Paese un hub globale per l’industria dei veicoli elettrici. Anche se lodiamo questo investimento, esso ha messo in luce una lacuna significativa nella catena di fornitura dei veicoli elettrici in Nord America, in particolare nella conversione dei minerali in prodotti chimici per le batterie”, ha affermato.

“L'urgenza di rafforzare la capacità del Nord America di lavorare i metalli – in particolare il nichel – non è mai stata così evidente. La nostra struttura sarà il pezzo mancante che costruirà la capacità di trattare i materiali delle batterie proprio qui a Sudbury”.

Il nichel per l'impianto sarà fornito dalla miniera Eagle's Nest proposta da Wyloo nella regione dell'Anello di Fuoco dell'Ontario settentrionale, così come da altre fonti di alimentazione contenente nichel di terze parti e materiali riciclati per batterie.

"Con Eagle's Nest come nostro punto di riferimento, combinato con l'alimentazione di terze parti da altre fonti nordamericane, stiamo costruendo una capacità sufficiente per soddisfare il 50% della domanda di nichel derivante dagli investimenti annunciati nei veicoli elettrici", ha affermato Straub.

“Il nostro impegno è quello di fornire una fornitura di nichel pulito di alta qualità proveniente da fonti responsabili, dall’estrazione alla lavorazione. Questo impegno mira a consentire al Canada, noto per i suoi impareggiabili standard ambientali e pratiche sostenibili, di essere leader negli investimenti locali nella lavorazione a valle, stabilendo una catena di approvvigionamento stabile ed etica senza fare affidamento sulle importazioni dall’estero.

“Voglio ringraziare la città di Greater Sudbury per la sua visione nel promuovere l’industria locale e voglio anche riconoscere il sostegno di Atikameksheng Anishnawbek e Wahnapitae First Nations con cui non vediamo l’ora di collaborare mentre portiamo avanti questo progetto”.

Citazioni da Atikameksheng Anishnawbek e Wahnapitae Prime Nazioni

"Non vediamo l'ora di continuare la conversazione e di sviluppare una partnership con Wyloo per questo progetto", ha affermato Atikameksheng Anishnawbek Gimaa Craig Nootchtai. “Lavorare insieme garantisce che le nostre tradizioni e la nostra cultura siano integrate nello sviluppo economico dei territori”.

“Essere coinvolti in queste conversazioni è vitale per le nostre comunità”, ha affermato il capo della Prima Nazione di Wahnapitae, Larry Roque. “La partnership che verrà sviluppata con questo progetto mostrerà ciò che è necessario fare per le altre Prime Nazioni e le società private”.

Greater Sudbury è stata scelta come sede per la struttura grazie alla sua leadership globale nel settore minerario e all'avanguardia nel passaggio alle tecnologie pulite, nonché al suo impegno per la riconciliazione degli indigeni con le comunità della Prima Nazione.

Citazione dalla città di Greater Sudbury

“Greater Sudbury ha il territorio, il talento e le risorse necessarie per il futuro dell’estrazione mineraria e della tecnologia BEV, come dimostrato dal fatto che Wyloo abbia selezionato la nostra comunità per il primo impianto canadese di questo tipo”, ha affermato il sindaco di Greater Sudbury Paul Lefebvre.

“La nostra ricca storia mineraria, gli sforzi di decarbonizzazione e le pratiche minerarie sostenibili ci distinguono e ci hanno assicurato che siamo pronti a sostenere e guidare l’innovazione. Siamo un hub minerario globale che sta investendo nel futuro e non vediamo l’ora di lavorare con Wyloo e i partner indigeni locali man mano che questo progetto avanza”.

Citazione del governo dell'Ontario

L'Onorevole Vic Fedeli, Ministro dello Sviluppo Economico, della Creazione di Lavoro e del Commercio dell'Ontario, ha sottolineato: “La fondamentale ricchezza mineraria dell'Ontario ci distingue come destinazione globale per la produzione di veicoli elettrici e di batterie per veicoli elettrici.

"Ci congratuliamo con Wyloo per il suo protocollo d'intesa con la città di Greater Sudbury per costruire il primo impianto di lavorazione a valle dei metalli per batterie della nostra nazione, che aggiungerà un altro anello fondamentale nella catena di fornitura di veicoli elettrici end-to-end completamente integrata dell'Ontario", ha affermato il Ministro Fedeli.

“Non vedo l’ora di ricevere un sostegno continuo da parte dei governi dell’Ontario e del Canada per accelerare il percorso verso la produzione, che creerà una vera catena di approvvigionamento nordamericana dalla miniera alle batterie per veicoli elettrici”, ha affermato Straub.

Wyloo sta attualmente completando uno studio esplorativo per il progetto, e si prevede che la costruzione della struttura inizierà dopo la costruzione della proposta miniera Eagle's Nest. L’inizio della costruzione della miniera è previsto per il 2027.

Wyloo e la città si impegnano a collaborare con le parti interessate, in particolare le comunità indigene, per esplorare e identificare potenziali partenariati per garantire benefici economici, sociali e ambientali condivisi e altre opportunità di collaborazione.

Wyloo è di proprietà privata di Tattarang, il gruppo di investimento privato di Andrew e Nicola Forrest.

-30-